Ciao, in questo articolo ti parlerò dell’attrezzatura necessaria per iniziare ad intraprendere il tuo viaggio nell’apicoltura. Ti illustrerò l’equipaggiamento base per cominciare questo percorso e alla fine avrai a disposizione tutte le informazione per creare il TUO Kit d’apicoltore!

Prima di cominciare ti volevo dire che in questo testo ti indicherò solo l’attrezzatura necessaria per cominciare dato nell’apicoltura esistono svariate attrezzature per svariati scopi, come per esempio per smielare. Comunque considera che dopo tre anni che faccio l’apicoltore utilizzo quasi esclusivamente l’attrezzatura di cui ti parerò in questo articolo.

Ami il miele?! Scopri i principali Tipi di miele italiano!

kit-apicoltore-attrezzatura-per-iniziare

Ultima dritta prima di partire!

Il PRIMO PASSO per diventare apicoltore è conoscere le api e tutto io loro mondo quindi ti consiglio caldamente di leggere molto sull’argomento. Io mi affido ad un testo stupendo che tratta tuto ciò che bisogna sapere per essere un apicoltore. Il libro il questione è “Le Api. Biologia, allevamento, prodotti” di Alberto Contessi puoi trovare la descrizione in questo articolo.

Benissimo ora cominciamo!

Attrezzatura per diventare apicoltore

Per chiarezza di contenuto dividerò l’attrezzatura apistica in due macro sezioni:

  1. attrezzatura per la gestione dell’alveare
  2. equipaggiamento di lavoro dell’apicoltore

Attrezzatura per la gestione dell’alveare

In questa sezione ti descriverò in maniera semplice l’attrezzatura necessaria per preparare l’arnia ad accogliere la famiglia d’api e per gestire l’alveare durante tutto l’anno.

L’arnia

Il primo “attrezzo” di cui parlare ad un apicoltore novello è sicuramente l’arnia, ma che cos’è l’arnia?

L’arnia non è niet’altro che la “casa” delle api, una struttura creata dall’uomo, che permette di controllare e gestire la famiglia delle api con lo scopo ultimo di ricavarne chili di miele. Nell’arnia le api svolgono tutti i compiti per lo sviluppo e la salute della famiglia, ed è anche il luogo in cui vive l’ape regina e dove depone le uova.

Esisto molte tipologie di arnie in commercio, in questo articolo ti parlerò della più utilizzata in italia ovvero l’arnia Dadant Blatt a 10 telaini.

Com’è fatta l’arnia
com'è-fatta-un-arnia

L’arnia è generalmente fatta di legno ed composta da quattro elementi:

  1. nido
  2. melario
  3. corpifavo
  4. tetto

Il nido è il luogo in cui la famiglia vive tutto l’anno ed è una cassa di legno con un apertura sul fronte, che permette il via vai delle api e la parte superiore scoperta. Inoltre nella base è presente una rete chiamata rete anti-varroa.

Nel nido vengono poi inseriti i telaini da favo, dei quali parleremo in seguito.

Il melario invece è un parallelepipedo con la base delle stesse dimensioni del nido il quale è aperto sia nella parte inferiore che in quella superiore. Al suo interno sono presenti i telaini da melario per la raccolta del miele. In realtà il melario viene utilizzato solo nel periodo di raccolta del miele mentre durante il resto dell’anno non serve. Si possono sovrapporre più melari contemporaneamente in base alla quantità del raccolto.

Scopri di più sull’arnia leggendo l’articolo: Cos’è un’arnia e com’è fatta!

Il coprifavo è una copertura in legno che ha il compito di chiudere la parte superiore dell’arnia. Questa copertura possiede un foro centrale che spesso rimane tappato e all’occorrenza può essere utilizzato per nutrire le api.

Il tetto, solitamente in acciaio zincato, ha il compito di proteggere l’arnia dagli agenti atmosferici.

Dove acquistare un’arnia

Su Amazon sono disponibili delle ottime arnie a 10 telaini con melario e con telaini inseriti, ad un prezzo che si aggira tra i 120/130 € .

Di seguito puoi vedere due versioni una è un’arnia da nomadismo mentre l’altra è più semplice e si chiama Cubic. Io le posseggo entrambe le non ho notato grandi differenze però l’arnia Cubic risulta leggermente più economica.

ARNIA DA NOMADISMO

arnia-10-favi-cubic
vedi offerta su amazon

ARNIA CUBIC

arnia-10-favi-cubic
vedi offerta su amazon

Ora hai una visione della struttura delle arnie quindi passiamo a capire cosa c’è al loro interno prima di inserire le dolci api.

Telaini e fogli cerei

Cosa sono i telaini? I telaini non sono altro che delle strutture in legno costruite in modo da poter essere inserite e rimosse agevolmente dall’arnia.

Ci sono due tipi di telaini: il telaino da favo (più grande) e un telaino da melario (più piccolo).

Longitudinalmente ad ogni telaio viene inserito un filo metallico che ha il compito ancorare e sostenere su di esso un foglio cereo.

telaino-foglio-cereo-zoom

Il foglio cereo è appunto un foglio fatto di cera sul quale è stato stampato un motivo a celle esagonali. Il foglio andrà ancorato al telaino per mezzo dei fili metallici.

Per fare ciò si appoggia un foglio cereo sopra i fili nei quali viene poi fatta passare della corrente per qualche secondo così da fondere la cera e fissare il foglio.

Il procedimento è molto semplice ma non lo spiego a parole perché è più chiaro capirlo dal seguente video.

COME FISSARE UN FOGLIO CEREO SU UN TELAINO

Nel video, oltre alla spiegazione vengono mostrate le attrezzature per il fissaggio le quali sono:

Una volta fissati i fogli cerei in tutti i telaini questi si inseriscono nell’arnia pronti per essere utilizzati.

Occorrente per il fissaggio: dove trovarlo

Riassumendo, una volta acquistata l’arnia il secondo passo è acquistare i telaini (a meno che non siano già inclusi l’interno dell’arnia) per favo e melario.

Acquistati i telaini bisogna procurarsi, fogli cerei, zigrinatore e trasformatore.

Ecco due buoni FOGLI CEREI disponibili su Amazon.

FOGLI CEREI NIDO 47pz.

FOGLI CEREI MELARIO 94pz.

Un paio di consigli per quanto riguarda i fogli cerei che come vedi sono piuttosto costosi:

  1. conviene comprarne una discreta quantità se no li paghi come l’oro
  2. i fogli da nido sono grandi il doppio di quelli da melario quindi basta tagliarli a metà (con una lama bella affilata) per ottenere il foglio da melario

Considerando il secondo consiglio si può calcolare che con un pacco di fogli da nido da 47 pezzi o 5kg riesci a completare tranquillamente 3 nidi e 3 melari.

Infine ecco uno ZIGRINATORE e un TRASFORMATORE per fogli cerei.

ZIGRINATORE

TRASFORMATORE

In alternativa

Se invece vuoi evitare l’acquisto di telai, fogli cerei, zigrinatore e trasformatore ho la soluzione giusta per te.

Si trova disponibile su Amazon un’arnia con melario e con tutti i telaini già montati di fogli cerei, quindi un’arnia pronta all’uso a circa 180 €, un buon prezzo se consideri il costo dei fogli cerei.

ARNIA PRONTA ALL’USO

con melario e telaini provvisti di fogli cerei

vedi offerta su amazon

Quest’arnia è un’ottima soluzione se inizialmente non vorrai acquistare attrezzature superflue. Oltre alla comodità di avere tutto pronto senza perdite di tempo!

Nutritore, diaframma, escludi-regina e apiscampo

Le ultime attrezzature di questa sezione sono:

  • nutritore
  • diaframma
  • escludi-regina
  • apiscampo

Partiamo dal nutritore, il quale è un recipiente nel quale aggiungere lo sciroppo per nutrire le api in alcuni periodi dell’anno.

Il nutritore viene inserito nel foro del coprifavo per poi essere riempito di sciroppo.

Il diaframma è struttura in legno o simili della forma di un telaino da favo. Viene messo nel nido per seguire i cambiamenti di dimensione della famiglia durante l’anno.

L’escludi-regina invece non è altro che una griglia metallica o di plastica che viene messa tra il nido e il melario durante il periodo di raccolta del miele.

Lo scopo dell’escludi-regina è di non permettere all’ape regina di andare nel melario a deporre le uova, infatti le dimensioni griglia consentono solo api operaie di passarci e non alla regina la quale è più grossa.

Infine l’apiscampo è un’intelaiatura con al centro un “labirinto” il quale permette alle api di andare in una sola direzione. Viene inserito tra nido e melario in modo tale da permettere alle api di “scendere dal melario” senza più risalirvi. Questo procedimento si attua quando vengono rimossi i melari pieni di miele i quali così facendo si liberano dalle api.

Ecco i prodotti disponibili su Amazon.

NUTRITORE

DIAFRAMMA

ESCLUDI-REGINA

APISCAMPO

Gli articoli sopra citati sono venduti dal stesso distributore, quindi le spese di spedizione sono spalmate sui prodotti.

Perfetto ora abbiamo finito la parte più corposa, passiamo alla seconda sezione!

Equipaggiamento di lavoro dell’apicoltore

Partiamo subito parlando degli indumenti per difendersi dalle punture!!

Guanti e tuta da apicoltore

Se veramente vuoi diventare un apicoltore devi mettere in conto qualche puntura! Io per esempio in tre anni mi sono pigliato 4/5 punture la maggior parte quando non ero vestito adeguatamente.

Gli indumenti da apicoltore riducono al minimo il rischio di punture e nello specifico sono:

  • guanti
  • tuta

I guanti sono fatti con un materiale spesso, solitamente pelle, che non permette alle api di raggiungere la nostra cute.

La tuta d’apicoltore invece è la famosa tuta dove l’area del viso è coperta da una rete sottile che permette di vedere mentre difende il volto dagli attacchi delle api. Oltre alla zona della testa la tuta è fatta con un tessuto spesso o a strati per evitare punture.

La tuta può essere integrale, ovvero un pezzo unico pantaloni e giacca, o solo giacca.

Io per esempio utilizzo la giacca e metto dei jeans spessi con un elastico sulle caviglie e non ho mai avuto problemi.

Ti consiglio alcuni INDUMENTI di buona qualità

GUANTI

GIACCA + GUANTI

TUTA

Deciso il vestiario non rimane che scegliere gli ultimi attrezzi per lavorare sull’arnia.

Attrezzi per lavorare sull’arnia

Gli attrezzi necessari per operare con l’alveare sono:

  • pinza per telaini: un’apposita pinza che facilita rimozione ed inserimento dei telaini nell’arnia
  • affumicatore: strumento che produce fumo tramite e permette di direzionarlo con un mastice verso il nido con lo scopo di “calmare” le api
  • leva/raschietto: strumento utilizzato per aprire l’arnia ed effettuare alcune operazioni di pulitura della propoli
  • spazzola: spazzola provvista di lunghe setole utilizzata per rimuovere le api dal favo durante alcune operazioni

SET ATTREZZI

Arrivati a questo punto abbiamo visto tutta l’attrezzatura di base per cominciare a fare l’apicoltore, quindi ora riassumiamo ciò che serve.

Un appunto

Per approfondire tutti i dettagli tecnici delle varie attrezzature ti consiglio ancora una volta il libro Api. Biologia, allevamento, prodotti”, dove veramente trovi tutte le informazioni che cerchi e anche di più.

Riassumiamo

Adesso riassumiamo tutti le attrezzature basilari per diventare apicoltore riferita ad un arnia singola.

Attrezzatura per la gestione dell’alveare:

  • Arnia
  • Melario (minimo uno per arnia)
  • Telaini
  • Fogli cerei
  • Zigrinatore e Trasformatore (per il fissaggio dei fogli cerei sui telaini)
  • Nutritore / Escludi-Regina / Apiscampo

Equipaggiamento di lavoro

  • Tuta e Guanti
  • Pinza / Affumicatore / Leva / Spazzola

Kit Apicoltore

Ho creato per te tre Kit al fine di entrare nel mondo dell’apicoltura. Ho raggruppato le attrezzature per cominciare la tua avventura apistica acquistando tutto direttamente da Amazon!

In questi kit non è presente l’attrezzatura per smielare, ovvero il proecesso per estrarre il miele dal favo, svuoi approfondire l’argomento leggi anche: Come fare il Miele: procedimento e attrezzatura per smielare.

KIT BASE

Nel KIT BASE trovi tutta l’attrezzatura per cominciare la gestire una famiglia, la spesa totale si aggira intorno ai 350 €.

Se decidessi di cominciare con 2/3 arnie ti basta ti basta acquistare il numero corrispondente dei primi 4 articoli segnati con il simbolo dell’asterisco*.

KIT MEDIO

Il KIT MEDIO è composto dalla stessa attrezzatura del Kit Base con l’aggiunta di un melario completo, e la tuta d’apicoltore rimpiazza la giacca, il prezzo si aggira intorno ai 470 €.

Anche in questo caso per partire con due o più famiglie ti basterebbe moltiplicare l’attrezzatura in tabella con simbolo dell’asterisco* per il numero di famiglie volute.

KIT PRO

Il KIT PRO invece è strutturato per cominciare con almeno due famiglie e contiene in più degli altri Kit l’attrezzatura per il fissaggio dei fogli cerei nei telaini, il prezzo di questo Kit si aggira sui 650 €.

I fogli cerei nel Kit Pro sono sufficienti per completare massimo 3 famiglie con un paio di melari ciascuna.

KIT fai da te

Tutti i Kit che trovi nelle precedenti tabelle sono una guida per indicarti alcune ottime soluzione per l’acquisto della tua attrezzatura.

Ovviamente puoi creare il tuo Kit in base alle tue esigenze e a ciò che magari già possiedi.

Rientrare dall’investimento

In tutto questo articolo non ti ho mai parlato di produttività dell’alveare, prezzo del miele e altri fattori economici. Ho fatto questo perché il motivo che deve spingerti a diventare apicoltore, secondo me, non dev’essere puramente economico.

Detto ciò se deciderai di essere un apicoltore e imparerai gestire al meglio le tue api avrai sicuramente un eccedenza di miele. Considera che mediamente un arnia produce all’anno (condizioni meteo permettendo) dai 20 kg ai 40 kg di miele, ma si può superare anche i 60 kg.

Quindi possedere un paio di famiglie può farti produrre diciamo 50 kg di miele. Ipotizziamo che 10 kg li pappi te e che il resto lo vendi a un prezzo medio di una decina di euro, in un anno puoi rientrare di 400 €.

Ti dico questo perché, è vero che non si diventarà ricchi, ma se c’è passione con l’apicoltura li può anche guadagnare.

Conclusioni

Siamo alla fine di questo articolo ora non rimane che fare l’ultimo passo per diventare apicoltore ovvero:

terzo-passo-apicoltore

Rimani sempre aggiornato, seguimi su Facebook e Instagram!!

Buon divertimento!